Ultima modifica: 19 novembre 2017
Istituto Comprensivo Scorrano > Generali > Compiti addetti al primo soccorso

Compiti addetti al primo soccorso

IL PRIMO SOCCORSO A SCUOLA QUALI REGOLE RISPETTARE

Da sempre la Scuola è un luogo di lavoro atipico, dove la presenza dei minori amplifica le problematiche legate al soccorso (che negli altri luoghi di lavoro sono spesso collegate al concetto di emergenza), integrandole con un gran numero di interventi legati all’urgenza, al piccolo disturbo, al piccolo e medio infortunio.Può accadere che in qualche occasione il personale scolastico associ il “soccorso” al concetto di “paura” (Se sbaglio qualche cosa? Se non so cosa fare? Perché devo prendermi questa “responsabilità”?). È quindi opportuno ribadire che la presenza di minori già definisce a priori un contesto dove la “responsabilità”è sempre e comunque presente. Dirigente Scolastico, Docenti e Personale non docente – ognuno per la propria
parte – sono sempre chiamati a svolgere compiti di sorveglianza sugli studenti; e se la violazione di leggi o regolamenti, l’imprudenza, l’imperizia o la negligenza causano un danno ingiusto si è obbligati a risarcirlo. Questa “responsabilità” è sovente associata al concetto di “sorveglianza”che viene regolato, nella maggior parte dei casi, dagli articoli 2047 e 2048 del c.c.: nel primo caso si prevede la responsabilità totale (riferita a bambini fino a sei-sette anni e alle persone con disabilità) mentre nel secondo articolo la responsabilità decresce di fatto con l’aumentare dell’età
dello studente. Il primo concetto è quindi chiaro: quando gli studenti entrano in una Scuola scatta immediatamente l’obbligo di sorveglianza da parte di questa. Il personale tutto deve quindi operare in modo da impedire che, difetti di sorveglianza o vigilanza, provochino incidenti. Ma, pur con tutta l’attenzione possibile, appare ovvio che proprio la presenza di minori crea le premesse per infortuni o malori all’interno della Scuola. È bene ricordare che il prestare soccorso non è prerogativa assoluta degli Addetti al Primo Soccorso. Questo concetto generale a maggior ragione è valido in un luogo di lavoro atipico come la Scuola, dove la situazione classica è “una classe, un docente, degli allievi”. Ecco allora che più correttamente dobbiamo dire che in presenza di un infortunio, di un malore, di un’emergenza sanitaria chi assiste all’evento presta il primo soccorso; nell’intervenire, se valuta
che la situazione è tale da richiedere l’attivazione della Procedura di Emergenza elaborata dal Dirigente Scolastico,la attiva.

Procedura di Primo Soccorso

Si tratta di un protocollo generale che indica chi deve fare, che cosa deve fare e come lo deve fare.
Vediamo con un semplice esempio cosa può prevedere una procedura di emergenza.
Supponiamo che durante la normale attività didattica un alunno abbia un infortunio (immaginiamo che inciampi e cada per terra). Il docente presente in aula interviene e fa una prima valutazione (Si è subito rialzato? Zoppica? Accusa dolore?). Se valuta che è necessario attivare la procedura di emergenza chiama/fa chiamare un Addetto al Primo Soccorso. L’addetto al Primo Soccorso dopo pochi secondi arriva sul posto. Due brevi
considerazioni su questo punto:
– se l’Addetto al Primo Soccorso intervenuto è un docente, la procedura deve prevedere la contemporanea sostituzione con altro lavoratore della Scuola al fine di garantire comunque agli alunni che erano sotto la sua sorveglianza l’adeguata vigilanza;
– l’Addetto nel raggiungere il luogo dove si trova l’alunno infortunato si premunisce di portare con sé la Cassetta di Pronto Soccorso.
Giunto sul posto l’Addetto al Primo Soccorso valuta, sulla base delle proprie conoscenze e della propria formazione cosa si deve fare. In che cosa consiste questa valutazione? In quello che normalmente ognuno di noi fa nelle proprie case quando un congiunto sta male. Solo che nelle nostre case, se non abbiamo particolari conoscenze, agiamo con il buon senso ma più spesso d’istinto e d’intuito, mentre chi ha frequentato i corsi previsti dal D.M. 388/03, è in grado di decidere quello che è opportuno fare grazie alle informazioni recuperate con la formazione specifica ricevuta. Ecco quindi che l’Addetto al Primo Soccorso di fronte ad una emergenza sanitaria valuterà le tre classiche opzioni.
a) Si tratta un lieve malore o infortunio risolvibile con i mezzi a propria disposizione.
Nel caso esposto l’alunno non ha avuto conseguenze dall’infortunio se non una lieve escoriazione a un dito della mano, risolvibile con un disinfettante ed una medicazione. Si provvederà con i presidi contenuti nella Cassetta di Pronto Soccorso.
b) Si tratta di una urgenza che richiede l’intervento di un Medico ma non ha i requisiti dell’emergenza e inoltre l’infortunato è trasportabile. L’alunno si è rialzato, parla, muove braccia e gambe ma lamenta un dolore all’avambraccio.
Non vi è una situazione tale da richiedere l’attivazione del 118 (Non è un’emergenza!) ma è opportuno accompagnare l’infortunato presso un presidio di pronto soccorso. Siamo infatti di fronte ad una urgenza (neanche delle più gravi), che è preferibile sia valutata da personale medico. Significa che si procederà ad accompagnare l’infortunato, prevedendo con quale mezzo e da chi, e prevedendo almeno due accompagnatori di cui uno alla guida e uno che assiste l’infortunato. Contemporaneamente la Scuola avvertirà un familiare dell’alunno di quanto sta accadendo, e se aveva in precedenza ricevuto dalla famiglia indicazioni su problematiche sanitarie che interessano l’alunno, farà in modo che la busta chiusa contenente queste informazioni (allergie, patologie, terapie in corso, ecc.) accompagni l’infortunato al Pronto Soccorso.
c) L’alunno cadendo ha perso conoscenza, respira ma non risponde alle sollecitazioni verbali. Si tratta di una emergenza, non trasportabile e che
richiede l’immediato intervento medico. L’incaricato alla chiamata procederà ad allertare il 118, gli incaricati apriranno i cancelli, faranno in modo che siano lasciati liberi i corridoi e all’arrivo accompagneranno ii personale sanitario nel luogo dov’ è l’infortunato.

Differenza tra Emergenza e Urgenza nel soccorso

Alcuni concetti chiave sono emersi durante questa esposizione. L’emergenza si ha, ad esempio, quando ci si trova dinnanzi ad eventi (arresto cardiaco e respiratorio, perdita di coscienza, coma, gravi emorragie arteriose, gravi traumi, l’intrasportabilità, ecc.) dove la tempestività e la validità dell’intervento possono impedire la morte del soggetto. Richiede sempre l’intervento del 118. L’urgenza si ha di fronte a eventi che permettono un margine di tempo di intervento senza compromettere la vita dell’infortunato. Richiedono l’intervento o meno del 118 se è presente/assente il requisito dell’intrasportabilità.
Una norma di carattere generale sanziona l’omissione di soccorso (593 c.p.); chi presta soccorso deve però farlo nei limiti imposti dalla Legge, dall’Autorità e dalla necessità (art. 55 c.p.) Compito degli Addetti al Primo Soccorso (ma anche di chiunque presti soccorso occasionalmente) non è quello di sostituirsi al personale medico. Non spetta quindi a loro fare diagnosi o elaborare terapie. L’Addetto al Primo Soccorso, ma in generale tutti i soccorritori occasionali agiscono con semplici manovre orientate a mantenere in vita l’infortunato e a prevenire le complicazioni, senza l’utilizzo di farmaci e/o strumenti particolari. Con la formazione ricevuta, gli Addetti al Primo Soccorso sono quindi in grado di valutare quali comportamenti
possono consentire all’infortunato, nell’attesa dell’arrivo dei soccorsi, di ricevere la migliore assistenza. Con un principio base: se non si è sicuri su cosa è opportuno fare è meglio non fare niente e attendere l’arrivo dei soccorsi. Soccorrere, quindi, può anche voler dire semplicemente attivare il 118 e non abbandonare la vittima fino all’arrivo del personale qualificato

CONTENUTO MINIMO DELLA CASSETTA DI PRIMO SOCCORSO

 guanti sterili monouso (5 paia)  una visiera paraschizzi  soluzione cutanea di iodopovidone al 10% di iodio da 1 litro (1 flacone)  soluzione fisiologica (sodio cloruro 0,9%) da 500 millilitri (3 flaconi)  garza sterile 10 x 10 in buste singole (10 compresse)  garza sterile 18 x 40 in buste singole (2 compresse)  teli sterili monouso (2)  pinzette da medicazione sterili monouso (2)  rete elastica di misura media (1 confezione)  cotone idrofilo (1 confezione)  cerotti di varie misure pronti all’uso (2 confezioni)  cerotto alto 2,5 centimetri (2 rotoli)  un paio di forbici  lacci emostatici (3)  ghiaccio pronto uso (2 confezioni)  sacchetti monouso per raccolta di rifiuti sanitari (2)  un termometro
 un apparecchio per la misura della pressione arteriosa.